Camini a bioetanolo: Scaldano, Opinioni, Recensioni e Funzionamento

Il bioetanolo è tra i combustibili biologici, forse il migliore. Propulsione alternativa, etanolo e altre sono le proprietà magnifiche di questa stupenda sostanza.

Molti sichiedono: ma i camini bioetanolo scaldano davvero? E qual è il loro funzionamento? Quali sono le recensioni, le opinioni e soprattutto i prezzi di questi camini di cui tanto si sente parlare? Insomma, vale la pena comprare un camino a bioetanolo?

Per i camini bioetanolo si hanno opinioni diverse. Le recensioni spesso positive degli acquirenti di camini camini bioetanolo da parete e di design, degli accessori e di molti altri fattori che portano il consumatore a scegliere un caminetto a bioetanolo.

I prezzi di questi camini sono anche molto bassi (partono da 25 euro per uno da tavolo) fino ad arrivare anche alle migliaia di euro. Si trovano camini bioetanolo amazon a prezzi molto bassi.

Lista con i caminetti a bioetanolo più venduti su Amazon

Proprietà Descrizione / Link Prodotto da Prezzo recensioni voto
economico, piccolo FireFriend DF-6500 Caminetto da Tavolo a Bioetanolo FireFriend 29,61 60 recensioni 3 e mezzo
ricarica bioetanolo 20 Lt BIOETANOLO Combustione pulita e inodore x camino e stufa a bioetanolo Bricobravo 53,9 27 recensioni 3 e mezzo
piccolo Melchioni Wallflame Melchioni 137,9 20 recensioni 4 stelle
piccolo, da parete, a incastro Melchioni caminetto elettrico Wall Flame Mini da parete 1800 Watt effetto fiamma Melchioni Family 160,5 7 recensioni 4 stelle
grande, movibile, da terra Caminetto bioetanolo movibile Stones 254,7 4 recensioni 4 e mezzo
piccolo, da parete, a incastro Kenley Caminetto Elettrico da Parete – Effetto Camini Fiamma di Plasma – Termoventilatore con Telecomando / Ciottoli Bianchi – Bianco – 1,5KW Kenley 149,9 2 recensioni 4 e mezzo
da appendere, economico Carlo Milano Caminetto A Bioetanolo Camino Ecologico Senza Canna Cornice Color Inox + Foglie Carlo Milano 138,9 1 recensione nessun voto

I consumi dei camini bioetanolo non sono elevatissimi, funzionano come detto con il bioetanolo. Esistono anche camini bioetanolo con telecomando, e in genere chi l’ha provato dice che il camino a bioetanolo conviene.

Effettivamente i camini bioetanolo fanno calore, ma i giudizi sul potere calorifico di questi oggetti d’arredamento sono soprattutto in relazione a quanto scaldano i camini a bioetanolo e quanto consumano.

Il caminetto a bioetanolo è una svolta, in quanto non richiede una cappa e quindi può stare in qualsiasi casa. Etanolo Chemical Compound, Chemical Substance Alcoli, uniti ad una buona chimica degli alimenti, possono portare questo tipo di combustibili ad una pressione forte che permette al fuoco di bruciare.

Il caminetto che si alimenta a bioetanolo

Innanzitutto il funzionamento dei camini a bioetanolo è semplice.
Il camino ecologico a bioetanolo è l’alternativa giusta per le persone che non possono realizzare in casa una canna fumaria o che non hanno lo spazio necessario per un camino a legna tradizionale.

Il fascino di un camino nell’arredamento per la casa poi, rende l’atmosfera completamente diversa, calda e accogliente. Questa tipologia di camini risulta facile da montare, infatti, non necessita alcun allacciamento all’impianto del gas o della rete elettrica, e possono essere posizionati in ogni stanza della casa come un qualsiasi mobile.

Cos’è il bioetanolo?

Il bioetanolo è un particolare alcol creato dall’ ingegneria industriale. Ecco di seguito alcuni elementi tipici del bioetanolo, tra i quali fermentazione, metabolismo, chimica degli alimenti, e microbiologia.

Il bioetanolo è un etanolo naturale prodotto tramite alcuni processi di fermentazione e distillazione delle biomasse di scarto, provenienti dalle produzioni industriali e agroalimentari oltre ai rifiuti urbani solidi; ed alle biomasse vegetali come ad esempio i cereali, gli amidacei, le vinacce e le colture zuccherine.

Il suo utilizzo avviene anche in campo energetico dove questa sostanza, che altro non è che alcol etilico biologico, viene utilizzata come componente per il benzene o l’ETBE, un composto organico derivante dagli alcol etilico e isobutilico.

Con il bioetanolo si alimentano anche biocamini, sfruttandone il potere calorifico per scaldare gli ambienti. Durante la combustione, che avviene al di sotto dei quattrocento gradi, non vengono emessi fumi nocivi, nè odori spiacevoli o fuliggine, ma viene sprigionato solo vapore acqueo e calore, oltre ad una minima parte di anidride carbonica, pari a quella prodotta da due candele e quindi innocua per l’uomo. Sempre in tema di carburante per i camini, bisogna tenere presente che nelle stufe a bioetanolo non deve essere utilizzato il normale alcol denaturato, ossia quello che si acquista al supermercato, perchè non adatto a questo tipo di combustione, ma solo il bioetanolo denaturato. Inoltre, la sua combustione deve risultare inodore, perchè nel caso si percepiscanp cattivi odori è il caso di cambiare fornitore, visto che il combustibile non raggiunge il grado di purezza richiesto. Quindi, al momento dell’acquisto bisogna prestare attenzione alla necessità termica specifica in relazione alle dimensioni dei locali da riscaldare, al rendimento e la potenza della stufa ed al prezzo finito del bioetanolo.

Un carburante con queste caratteristiche ha attirato l’attenzione dei fabbricanti che hanno realizzato tutta una serie di sistemi di riscaldamento e non solo, utilizzandolo proprio in virtù della sua praticità sul campo.

A seconda delle materie prime agricole utilizzare per la produzione di questo combustibile, vengono generati diversi prodotti con valenza economica destinati all’industria del mangime o della cogenerazione.

Funzionamento del camino a bioetanolo

Questi camini vengono alimentati da una fonte energetica completamente ecologica e rinnovabile, ossia il bioetanolo. Due litri di questo combustibile in forma liquida, sono in grado di alimentare il camino per circa tre ore. Ma quanto riscalda un camino a bioetanolo?

riscaldamento camino bioetanolo combustione del bioetanolo

La capacità di riscaldamento dei camini è medio alta ed il calore si diffonde abbastanza rapidamente soprattutto in ambienti meno grandi. Ad esempio, una superficie tra i quaranta ed i cinquanta metri quadrati, viene riscaldata in modo efficiente in breve tempo, con un incremento di circa dieci gradi ogni ora. La struttura dei camini a bioetanolo non necessita della presenza di una canna fumaria, in quanto non devono espellere fumi all’esterno; questo fa sì che tutto il calore venga trattenuto all’interno dell’ambiente evitandone la dispersione.

Il combustibile è contenuto nel serbatoio del camino, che generalmente è dotato di una pietra porosa, quest’ultima ha il compito di assorbire il bioetanolo che bruciando rilascia nell’ambiente dei vapori completamente innocui per l’uomo.

La pietra all’interno del biocaminetto svolge inoltre una funzione di sicurezza, in quanto separa tra di loro la fiamma ed il combustibile, impedendo che vengano in contatto.

Tipologie e vantaggi dei camini a bioetanolo

Bio Camino Mod XXL PLUS BIANCO /Gel / Camino a parete / Camino Gel / Camino al Bioetanolo / BIO ETANOLO / Caminetto / BiocaminoLeggi le recensioni
Outsunny - Camino Bioetanolo da parete con 2 Bruciatori 110 cm 3LT - Bio Etanolo Biocamino InoxLeggi le recensioni
Stones Caminetto bioetanolo movibile 12Leggi le recensioni
65 Camino bioetanolo con bianchi Pietre e 2 x BruciatoreLeggi le recensioni
2 x Spugna di ceramica camino bioetanolo biocaminettoLeggi le recensioni
Stones Caminetto Tete a Tete a bionetanolo, bianco, 78 x 25 x 58 cmLeggi le recensioni
90 cm Gel e Etanolo - Camino ACCIAIO INOX camino Gel camino all'etanolo bioetanoloLeggi le recensioni
Metallo-Camino Nero / BBT-10001100 / Per l'uso con il Fuoco-Gel o Bio-Etanolo / Nessuna deduzione richiesta / Infine: Reale Fuoco / NO cenere, polvere o fumo!Leggi le recensioni
BEBV Arobia - Caminetto al bioetanolo, colore: BiancoLeggi le recensioni
FireFriend DF-6500 Caminetto da Tavolo a BioetanoloLeggi le recensioni

Ne esistono di vari modelli, sia tradizionali che moderni, adattandosi facilmente a tutte le esigenze di stile e del proprio arredamento. Si va dai piccoli camini che si appendono a parete, alle stufe a bioetanolo che spesso presentano anche sistemi di gestione elettronici per l’accensione e lo spegnimento o la termoregolazione. Alcune stufe esistenti, di potenza e prezzi superiori, consentono l’allaccio ai radiatori ed arrivano dunque a sostituire persino la caldaia per il riscaldamento a gas naturale. Altre stufe sono dotate anche di ventilazione, per una maggiore diffusione del calore e di un sistema antiribaltamento, indispensabile per la sicurezza con dispositivi che utilizzano carburante in forma liquida.

combustione camini bioetanolo

Tra i vantaggi sicuramente primeggia il bassissimo impatto ambientale visto che il bioetanolo è un combustibile del tutto biodegradabile con emissioni molto ridotte di anidride carbonica e monossido di carbonio. Per di più, i vapori prodotti dalla combustione non risultano fastidiosi e non creano cattivi odori nell’ambiente.

L’installazione stessa del camino, evita spese ingenti per l’assenza di canna fumaria e come detto precedentemente, non necessita di alcun allaccio alla rete elettrica o del gas. Questo consente una maggiore libertà di collocazione del camino in qualunque posto dell’abitazione.

Inoltre, a differenza dei grandi spazi dedicati alla raccolta della legna per i relativi camini, il bioetanolo viene comodamente trasportato in bottiglie o taniche che necessitano di uno spazio molto più ridotto.

Per quanto riguarda i consumi di questi dispositivi, si può dire che sono strettamente correlati alla potenza stessa dei sistemi ed alle capacità di gestione della combustione, che negli apparecchi di fascia medio-alta viene gestita solitamente da sistemi elettronici in grado di ottimizzare la combustione.

Parlando dei costi del carburante, il bioetanolo in Italia ha un prezzo che oscilla dai 2,4 ai 4,6 euro per litro; in alcuni casi a seconda della quantità deve essere aggiunto il prezzo del trasporto anch’esso variabile di zona in zona. Se invece, la spedizione è di una quantità superiore ai cinquanta litri di bioetanolo, deve essere emesso il DAS (Documento accompagnamento semplificato), ed il vettore deve possedere la licenza ADR per il trasporto di merci pericolose.

Ma i vantaggi non sono solamente pratici. Dal punto di vista estetico, infatti, esistono camini a bioetanolo dalle forme, colori e dimensioni più diversi. Per la forma si passa dalle stufe, a quelli a parete o dalla forma classica fino ad arrivare ad esempi con design più complessi per arredare ambienti dallo stile esclusivo.

Il costo del caminetto a bioetanolo o biocamino, si aggira tra i cinquecento e seicento euro dipendendo molto dalla dimensione e dallo stile dello stesso.

Oltre a costituire un elegante elemento di design possono essere anche una sofisticata soluzione di risparmio energetico per il riscaldamento. Con la loro fiamma ecologica scaldano fino a 40 mq in pochi minuti e con due  litri di bioetanolo hanno un’autonomia di tre ore e mezza circa. L’assenza di canna fumaria non è da sottovalutare per quanto rigurarda il rendimento, visto che in questo modo è disponibile il massimo calore prodotto dalla combustione per l’ambiente da riscaldare.

Infine, è necessario ricordare che, nonostante gli elevati livelli di sicurezza di questi camini, è necessario che la sua installazione sia eseguita da un tecnico specializzato in modo da scongiurare danni a persone e cose per raggiungere un livello ottimale di funzionamento.

77 thoughts on “Camini a bioetanolo: Scaldano, Opinioni, Recensioni e Funzionamento

  1. Ciao, mi sai dire per caso i prezzi di un caminetto a bioetanolo che scalda? Ovviamente senza spendere troppo.. Sai indicarmi qualche produttore o sito che ne vende di economici e carini per arredare casa e riscaldarsi?

    1. Ciao, grazie per il commento Rodolfo. Di camini a bioetanolo ci sono di diversi prezzi e tipi. Puoi trovare caminetti anche a 25 euro. Ovviamente sono quelli piccoli, più da “soprammobile”.. Magari puoi provare con uno di quelli piccoli soprammobili e vedere se ti convince, nel caso poi ti dovesse piacere prenderai uno più costoso

  2. Per il Momento la mia stufa Ruby a “Bio” Etanolo sta’ rilasciando nell’aria uno sgradevole odore e non la trovo assolutamente confortevole, anzi fastidiosa nella stanza in cui si trova
    Se la condizione perche’ non dia fastidio e’ di tenere arieggiato i locali, a questo punto perde la sua utilita’…..non credete??
    Provero’ altre marche di etanolo ma credo che la strada piu’ o meno sia quella sopra citata.

  3. salve
    mi pare di capire che la manutenzione sia pressochè inesistente
    ma mi chiedevo se con il tempo, per normale usura d’utilizzo, non si debba cambiare la pietra porosa o altre parti del camino

        1. Ciao Pasquale.. sicuramente dipende dalla tipologia di camino a bioetanolo acquistato, e anche da grandezza e qualità del riscaldamento.. potresti provare a controllare le schede tecniche dei diversi caminetti, oppure per questo tipo di informazioni più tecniche ti consiglio di rivolgerti direttamente al produttore del caminetto scelto. Spero di esserti stato d’aiuto 🙂

    1. Il tuo fantasticoooo, mi rassicura, per adesso ho letto solo recensioni negative.
      Che tipo hai preso? E che combustibile usi (marca).
      Grazie
      Cosimo

  4. Ciao io vorrei comprarne uno di piccole dimensioni ( h 40 x L 60 x sp 22 ), e vorrei collocarlo tra alcune mensole, c’e una dist sovrastante il camino minima di rispettare prr evitare che rovini il legno della mensola ?

    1. Ciao Smonterina, ti consiglierei di controllare bene il tipo di fiamma del camino, in modo che non vada a toccare le parti che ti interessano delle mensole. Per quanto riguarda la distanza, è sicuramente consigliabile non averlo troppo vicino alle parti che ti interessa non rovinare, anche se (in teoria) un caminetto a bioetanolo non dovrebbe “sporcare”. Ovviamente la fiamma è reale, quindi se fosse troppo vicina alle pareti o alle mensole rischerebbe di bruciarle e oscurarle.

    1. Ciao Daniela, il bioetanolo durante la combustione, pur non producendo fumo produce una minima quantità di anidride carbonica e di umidità. Quindi la risposta è si, produce umidità, ma è davvero una quantità bassissima. Se la casa non è umida di per sè, non dovrebbero esserci particolari problemi. comunque per maggior sicurezza, una volta che hai individuato un modello che ti piace, puoi anche chiedere al rivenditore prima dell’acquisto se produce poca o molta umidità. spero di esserti stato d’aiuto 🙂

  5. salve,
    amo il calore che il fuoco di un camino può conferire ad una casa… abitando in appartamento non mi è possibile installare un camino che richiede una canna fumaria perciò sto pensando di ripiegarmi su di un camino a bioetanolo…trovo al tempo stesso però la fiamma prodotta da stufe o camini alimentati con bioetanolo, poco bella dal momento che le fiamme prodotte sono a mio avviso delle “strette lingue di fuoco separate tra loro”, l’effetto di queste fiamme non è paragonabile a quello prodotto da un fuoco vigoroso e compatto… perciò chiedo: esistono in commercio camini o stufe a bioetanolo che producono invece un effetto fiamma più “compatto”?
    grazie, Paolo.

      1. Ciao Eugenio,

        pensavo di essermi espresso chiaramente…
        ho inserito due link che mostrano due immagini:
        – nella prima si vede la fiamma di un fuoco alimentato da legna, una bella fiammata “compatta”;
        – nella seconda si vede una fiamma a bioetanolo, delle fiammelle separate tra loro.
        E’ possibile ottenere con un camino o stufa a bioetanolo un tipo di fiamme simili a quelle generate da un fuoco alimentato da legna?

        Grazie…

        https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&ved=0ahUKEwjT4vrmoubKAhWGVRoKHdA5C4IQjRwIBw&url=http%3A%2F%2Ffootage.framepool.com%2Fit%2Fshot%2F533708567-fuoco-del-caminetto-caminetto-ciocco-di-legno-calore&psig=AFQjCNGkavvfNGjnqwsM6qd-l7Yck2lh_A&ust=1454955777318658

        https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&ved=0ahUKEwiyit78oubKAhWJtxoKHU13AAIQjRwIBw&url=http%3A%2F%2Fwww.ideegreen.it%2Fcamini-al-bioetanolo-43864.html&bvm=bv.113370389,d.bGg&psig=AFQjCNHW3v-7Vk_RtsV-qZX-_6FOUAUJXA&ust=1454955816716213

        1. ciao paolo, grazie per il commento. rispondo con un “credo di no”. credo non sia possibile avere lo stesso tipo di fiamma e qualità della fiamma di un camino a legna con un camino a bioetanolo. però non vorrei sbagliarmi, quindi ti consiglio, per maggiore sicurezza, di chiedere anche ai produttori dei diversi caminetti che hai guardato

          1. ciao paolo, grazie a te per il commento! 🙂 sono contento se hai trovato il post utile e se sono riuscito a rispondere alle tue domande e ai tuoi dubbi sui caminetti al bioetanolo

  6. Vorrei un consiglio per la marca della stufa a bioetanolo. Molti commenti positivi per una marca danese o olandese che non ricordo. Qualcuno mi puo’ aiutare ?

        1. Ciao Carmela, grazie per il commento. non saprei dirti, non credo che dovrebbero esserci particolari problemi nell’installare un caminetto a bioetanolo in caso di problemi di asma. Per l’allergia dipende sicuramente dal tipo di allergia. In ogni caso, per questo tipo di domande ti consiglierei di chiedere al tuo medico.

    1. ciao, prova a chiedere a al produttore, potrebbe dipendere anche da marca e tipo di caminetto che hai acquistato. non mi risulta che esca un bel po’ di fumo alla prima accensione, anzi..

  7. Da quello che capisco leggendo commenti e opinioni non mi sembra affatto efficiente ed economico. Ma in un appartamento di oltre 100 m2 di n° 3 stanze da letto, n°2 bagni n°1 sggiorno e n°1 cucina e rispettivo corridoio ci vorrebbero 7 caminetti? uno per stanza? o quale sarebbe la soluzione?
    Ringrazio anticipatamente per una eventuale risposta (esaudiente).

    1. ciao giovanni, i caminetti a bioetanolo sono un oggetto da arredamento della casa. non sono funzionali se hai bisogno di riscaldare la casa, soprattutto se è una casa di 100 metri quadri. spero che questa risposta ti sia stata d’aiuto

  8. Ragazzi per chi fosse interessato all’acquisto di bioetanolo a 1,80€ dia un’occhiata a questo sito ***
    Per avere quel prezzo bisogna fare un acquisto di gruppo di almeno 10 taniche da 25L.
    Potremmo metterci d’accordo perché è un prezzo vantaggiossisimo per chi ne avesse bisogno.
    Se volete contattatemi in privato.

  9. la scorsa settimana sono stata da un rivenditore di camini e stufe a bioetanolo, è stato così gentile da accenderne uno per farmi vedere come funziona….ed in effetti, produce parecchio “odore”…..è stato lui stesso ammettermi in guardia per questo “problema”.
    ho chiesto se fosse questione della marca del combustibile e a detta sua la risposta è no, fa odore con tutte le marche che lui vende e che utilizza….
    Vorrei sapere qualcosa di più in merito: opinioni, soluzioni, esperienze dirette da chi ce l’ha e lo usa quotidianamente.
    Grazie!

    1. ciao Chiara, grazie per il commento. Nell’articolo puoi trovare risposte ad alcune delle tue domande. Per le altre, vedrò di raccogliere maggiori opinioni in merito e di inserirle all’interno dell’articolo. Grazie per i suggerimenti!

  10. Buonasera
    ho un camino *** di cui sono soddisfatissimo anche per l’estetica: la cornice è in pietra simile al marmo è elegantissima! La sala in cui è collocato è di circa 34 mq è il calore si avverte eccome tanto che evito il riscaldamento se devo accenderlo…
    La casa è in classe A e questo ha il suo peso ma comunque credo che il calore sia reale. Non so cosa voglia dire il fumo e l odore è talmente trascurabile che basta una candela profumata o una tartina con bruciatore per nn avvertirlo affatto…e in ogni caso è decisamente trascurabile.
    L ho comprato come oggetto Da arredamento e finisce per essere anche utile ! Il bioetanolo lo trovo a due euro al litro e con due litri scaldo per circa 4 ore..ripeto che il presupposto è quello di creare un atmosfera piacevole in sala e ci riesco di sicuro.
    Non l ho pagato poco,anzi, ma sconsiglio vivamente i prodotti economici che giustificano fumo e quanto altro.
    Un saluto

  11. Salve io vorrei installare un camino in una parete in cartongesso, ma nella stessa verrà anche inserito un acquario. Vorrei sapere se il calore del camino potrebbe danneggiare il vetro dell’acquario o scaldare troppo l’acqua. Ps: e’ acqua salata a 27/28 gradi. Sarebbero a circa 30 cm l’uno dall’altro. Con divisorio cartongesso tra loro. Grazie

    1. Ciao io ho posto il camino in una parete cartongesso senza problemi ha 6 bruciatori e scalta tantissimo con 2 litri scalda 3 ore.
      Nn fa odore basta mettere delle essenze ma è irrilevante.
      Il camino l ho pagato sui 150 eu ed è davvero molto bello con le pietre ciao

  12. Ciao ragazzi gradirei info , dovrei comprare una stufa o un caminetto ….(che freferirei) posizionarlo in una stanza non grande, però in montagna a circa 1000 mt e all’ ultimo piano . Pensate che possa essere valida la soluzione non sostituendo il riscaldamento ma mi servirebbe per quei periodi che non e ancora acceso. Grazie e buona giornata.

    1. ciao Emanuele, come dici anche tu non può sostituire il riscaldamento di un camino normale o altri tipi di riscaldamento. Però un caminetto a bioetanolo può essere un sostituto valido

  13. Ciao Eugenio, sarei interessato all’acquisto di un biocamino… mi sto informando molto attraverso internet, ma in tanti sconsigliano questa scelta perché il biocamino non riscalda proprio. Ma è vero? Di quali recensioni posso fidarmi? Mi piacerebbe metterlo per un gusto estetico, ma nello stesso tempo deve essere funzionale. Nell’appartamento ci saranno anche i temosifoni con caldaia, quindi non pretendo di sostituire il biocamino con il riscaldamento tradizionale, ma vorrei usare tale camino per i primi freddi. O nelle giornate invernali in cui non fa molto freddo (considera che abito al sud). Puoi consigliarmi su questo prodotto? Se effettivamente ne vale la pena acquistarlo? E per comprarne uno valido che effettivamente riscaldi, la spesa su quanto si aggira? Grazie!

    1. ciao Daniele! beh dipende da cosa compri. Sicuramente il camino a bioetanolo non è l’ideale per riscaldare.. però è utile per estetica e (un po) per riscaldamento. nell’articolo se ne parla abbastanza prova a leggere la parte relativa a “riscaldano davvero”

      1. Grazie per la risposta… Io dovrei riscaldare un ambiente di 45 mq con il biocamino. MI sapresti indicare qualche biocaminetto valido? E quale iter seguire per comprarne uno buono? Non vorrei prendere fregature. Grazie, Daniele

  14. Per favore scritto male nel precedente.
    Ripubblico:
    esiste “il miglior” bioetanolo combustibile? Per esempio totalmente inodore oppure con miglior efficienza?
    Ne esiste un tipo aromatizzato? Grazie.

  15. ciao a tutti, io avrei bisogno di acquistare una stufa o caminetto a bioetanolo ma con timer per l’accensione automatica, sapete darmi delle marche che vendono questo prodotto?grazie a tutti per ora

  16. Ciao a tutti, sto ristrutturando casa e per vari motivi (sia esteci che pratici) avrei pensato ad un caminetto a bioetanolo. Il punto è che dovrei posizionarlo in un open space di circa 90 mq, pertanto chiedo: esistono caminetti a bioetanolo per il riscaldamento di una superficie così ampia? E se è si su quali dovrei orientarmi? Grazie.

  17. ciao eugenio!!!
    vorrei sapere se un buon caminetto a bio etanolo è adatto a stare anche all ‘ esterno come se fosse un fungo a gas.
    ovviamente non scalderà allo stesso modo ma tenendolo a distanza ravvicinata emana un pò di cxalore da star bene fuori anche durante questo inverno.

    grazie mille

  18. Buonasera in questi giorni sto provando il camino a bioetanolo che ho comprato quest’estate. E devo dire che riscalda bene. Infatti ho intenzione di comprarne altri due più piccoli per il resto della casa. La mia casa è 140 m2 e la cucina ne è 22m2 e cn il camino riesco a avere una cucina caldissima e dopo un oretta anche le altre stanze sno accoglienti. Mi chiedo slo una cosa…..c’è bisogno di arieggiare spesso gli ambienti? Per esempio ora l’ho acceso da un ora….dovrei aprire?

    1. Ciao Alessia. Sai dirmi di che marca e modello hai preso il biocamio di cui parli? E qual è stato l’iter che hai seguito? Grazie, sono interessato all’acquisto ma ho paura di prendere una fregatura. Daniele

  19. Ho acquistato una stufa Ruby smart 1 settimana fa ed ha preso fuoco,nonostante il corretto livello di caricamento livello max…il combustibile è finito nel vano della ventola rendendo così difficile lo spegnimento…risultato stufa rovinata ed un incendio scampato per un pelo!

  20. salve sto valutando l idea di un acquisto di biocamino a 5 bruciatori da 110cm da parete, vorrei sapere se è meglio un modello con vetro o senza per la sicurezza ,visto che nella stanza a terra c’è parque, E in oltre vorrei sapere se sulla stessa parete in alto posso installare una tv. premetto che ho stufa a pellet quindi non lo utilizzerei per riscaldamento ma più come arredo desing quindi non restera acceso molte ore al giorno. Grazie per la disponibilità

  21. Buon giorno, ho acquistato un piccolo camino a bioetanolo e vorrei metterlo a parete.
    Ho solo un dubbio e cioè se posso posizionarlo al di sopra del termosifone, infatti mi spaventa che il calore possa infiammare il bioetanolo che si trova nel bruciatore.
    Mi date un consiglio tecnico?

  22. Io ho un caminetto bioetanolo modello Verona con combustibile eco fire quando entra in combustione in sala c’è un forte odore di alcol e’ normale ? Il combustibile viene venduto come inodore

  23. Vorrei comprare soggiorno olympo con il camino…me lo consigliate? Devo dire la verità,il dubbio c’è, come anche paura di un incendio, come ho letto su una recensione. Mi piacerebbe tanto. Grazie

  24. Ho provato proprio oggi una stufa stones che ho comprato usata da amici che ne hanno comprata una più grande per loro. Devo dire che è bella ma sono rimasta delusa per l’odore forte nell’aria. Ho comprato bioetanolo a €2,50 credo non sia dei peggiori ma l’odore è persistente. Ho pensato che possa dipendere dal fatto che abbiamo spostato la stufa e quindi forse è fuoriuscito l’alcool. Non so… speriamo in bene sennò mi pento dell’acquisto… volevo sapere se posso utilizzarla in un salottino dove sistemo spesso i miei ospiti anche per lunghi periodi. La stanza è di circa 25 mq, ha una porta finestra ed iin terra c’è un parquet Ikea. grazie

  25. avevo pansato a coprare una stuf camino ad etanolo, ma a leggere tutti i commenti precedenti non mi sembra siano molto efficcaci. Innanzitutto il costo del bioetanolo fra i 2,50 ed i 3 euro, poi il potere riscaldante che è pari solo a 2,5 KWH pressocchè vicino allo ZERO. Per riscaldare un ambiente di 30 mq quante ore ci vorranno? diciamo quattro ore ovvero fra i 3 ed i 4 euro per poi avere una stanza che si raffredda subito appena cessato l’effetto fiamma… e dulcis in fundo il cattivo odore evidenziato praticamente in tutti i commenti… Mi volete smontare queste perplessità?

  26. BuonA sera, sto ristrutturano casa e sto pensando di acquistare un camino a bioetanolo, giustamente avrei bisogno di qualche informazione in merito al modello da acquistare, prima di tutto per una stanza di 45 mq che modello mi consigliate? Conviene acquistarlo con vetro o senza? E la cosa più importante, dovrei metterlo in una parete rivestita di pannelli di pietra ricostruita e pittura, pensate ci possano essere delle controindicazioni?
    Grazie tante.

    1. ciao Domenico, grazie per aver scritto. beh, il modello per una stanza di 45 mq direi di utilizzare una grandezza media. ci sono alcuni modelli proposti in alto all’interno di questo articolo (in alto). Il vetro o senza è più relativo ad un tuo gusto personale. non ho capito invece cosa intendi per pannelli di pietra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *